Domanda:
Se un pilota viene espulso, cosa è programmato per fare l'autopilota?
Cloud
2018-06-22 19:56:42 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Se un pilota utilizza il suo sedile di espulsione durante il volo, che cosa è programmato per fare l'autopilota?

Come sviluppatore, vorrei costruire in modo che l'aereo possa provare a salvarsi se possibile (per risparmiare denaro) con l'atterraggio automatico, o per lo meno, calcolare l'area meno popolata più vicina per un atterraggio di emergenza. Quindi mi chiedo se qualcosa di simile sia scritto nel software.

Nessun software [necessario] (https://en.wikipedia.org/wiki/Cornfield_Bomber): D
Non molte situazioni in cui il pilota deve essere espulso e l'autopilota è attivo - di solito lo avresti disattivato se: essere colpito, fare manovre ad alta energia, atterraggio o decollo, ecc. l'attivazione di un autopilota quasi inutile è probabilmente l'ultima cosa a cui pensare.
Mi chiedo se il pilota automatico sappia anche dell'espulsione.
@ymb1 Non riesco a immaginare quanto sia stato brutto il ribbing Capitan Faust dopo quello.
@ceejayoz Ribbing di persona sarebbe stato molto meglio che al suo funerale, quindi direi che ne è valsa la pena.
Sospetto che l'opzione militare preferita per alcuni aeromobili (ad es. Velivoli stealth classificati) sarebbe quella di provocare l'atterraggio più autodistruttivo possibile - l'ultima cosa che vogliono è che l'aereo venga recuperato dal nemico.
@ZeissIkon `E una volta che hai bisogno di espellere, l'attivazione di un autopilota quasi inutile è probabilmente l'ultima cosa che hai in mente. Naturalmente, l'AutoPilot ** potrebbe ** attivarsi sul / tramite il pulsante / interruttore / maniglia di espulsione del pilota. Se potesse fare del bene [è un'altra questione] (https://aviation.stackexchange.com/a/52863/1985).
Generalmente, i seggiolini con espulsione vengono utilizzati in una situazione in cui un pilota automatico non è molto utile, ad esempio perdita di controllo, parti dell'aereo mancanti, aereo in una rotazione irrecuperabile, ecc. Nessun pilota * vuole * salvarsi e quando lo fanno è perché una pessima scelta è la migliore opzione disponibile.
@ceejayoz: Apparentemente, le costolature sono iniziate mentre stava ancora paracadutando. "Gary, faresti meglio a rimetterti dentro!"
Gli aerei militari @abligh, (almeno quelli russi) hanno generalmente piccoli esplosivi che distruggono i sistemi più classificati sull'aereo (come l'IFF). Non ricordo con certezza, ma dovrebbero attivarsi in caso di espulsione. In ogni caso, il pilota è tenuto ad attivarli se l'aereo ha la possibilità di finire nelle mani del nemico.
Stai presumendo che l'aereo HA un pilota automatico - molti caccia non ce l'hanno, poiché hanno un pilota manuale altamente qualificato e addestrato.
Dopo l'espulsione, vorrei che l'aereo facesse del suo meglio per sfrecciare sul prato. Non c'è bisogno di lasciare nulla agli spazzini.
@RAC Uh, sì, i combattenti militari hanno sicuramente sistemi di pilota automatico. Le missioni non sono combattimenti aerei dal decollo all'atterraggio ei piloti hanno bisogno di tempo durante le missioni per controllare le mappe, regolare gli strumenti e qualsiasi altra gestione della cabina di pilotaggio. C'è un po 'di volo solo per arrivare da qualche parte e l'AP consente il multitasking in quegli scenari. Ci sono anche voli in traghetto in cui non vorresti rimanere manualmente dritto e livellato per ore senza interruzioni.
* Mi chiedo se qualcosa del genere sia scritto nel software * Ci si può continuare a chiedersi, dato che nessuno spende il Ministero della Difesa o il Dipartimento della Difesa, i soldi per i sottosistemi degli aerei sprecheranno i loro soldi per un software così inutile.
Cinque risposte:
#1
+103
Hanky Panky
2018-06-22 21:13:29 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Vorrei costruire in modo che l'aereo possa cercare di salvarsi se possibile (per risparmiare denaro) atterrando automaticamente

Se la situazione avesse permesso di salvare il aereo il pilota umano l'avrebbe sicuramente provato per primo. Il fatto che un pilota di jet da combattimento addestrato abbia deciso di espellere un aereo sapendo che l'espulsione era l'ultima risorsa e poteva essere mortale, significa che l'aereo non era più in grado di volare in sicurezza.

numerosi problemi irrecuperabili a quel punto, uno dei problemi più significativi è il fatto che l'espulsione destabilizza la traiettoria di volo e la maggiore resistenza (perché non c'è più una vela in cima) rende ancora più difficile planare in sicurezza quel jet, figuriamoci atterrare da qualche parte.

Non c'è molto che l'autopilota possa fare a quel punto.

Ci sono stati due incidenti famosi legati alla tua domanda, ma nessuno dei due riguarda il pilota automatico.

È come dire So che l'aereo può essere salvato ma il mio computer se ne occuperà , Sono qui fuori. Ci vediamo alla Court Martial.

Alcuni commentatori hanno notato che non ho risposto a una domanda fondamentale:

Non dimenticare di rispondere alla domanda " Se un pilota viene espulso, cosa è programmato per fare l'autopilota? ", Anche se la domanda sembra discutibile

Questa domanda è troppo ampia: esistono numerosi modelli di caccia in tutto il mondo, costruiti da una serie di produttori e i cui dettagli interni sono segreti gelosamente custoditi. Generalmente non troverai un manuale sul web che elenca tutte le azioni che il software dell'autopilota eseguirà dopo un salvataggio. Se l'OP può restringere la domanda a un certo modello, si può ricercare e provare a trovare qualcosa, ma non credo che sarà una scoperta facile. Quindi mi dispiace di non avere una risposta a questa domanda. Spero che qualcuno più esperto vada avanti e pubblichi una risposta.

Anche l'atterraggio automatico in sicurezza sul territorio nemico è controproducente :)
Sì, grazie per avermi lasciato espellere dalla mia parte del confine, qui prendi il nostro aereo e tutti i suoi segreti sulla tua pista più vicina
O in tempo di pace, l'aereo crea scompiglio andando all'aeroporto più vicino e atterrando, ignorando il controllo del traffico aereo, decidendo da solo quale pista è attiva e ignorando ciò che sta accadendo in quello spazio aereo e al suolo.
@rclocher3 Con queste capacità di pilota automatico, uno inizia a chiedersi perché un pilota umano sarebbe necessario in primo luogo!
Almeno nel primo caso (incidente del Mig 1989) il pilota automatico * era * coinvolto. Da Wikipedia: "A un'altitudine di 150 metri e in discesa, il pilota ha pensato che avesse avuto un guasto completo al motore ed è stato espulso senza incidenti. Il motore non si era completamente guastato e l'aereo è rimasto in volo, * volando con il pilota automatico * in direzione ovest"
Sì, è vero, ma nota che era una forma molto rozza di pilota automatico. Nell'aviazione R / C lo chiamiamo fail safe in modalità hold. Quindi tutto ciò che il sistema ha fatto in quel caso è stato di mantenere gli ultimi comandi che gli sono stati dati. Non ha apportato modifiche per evitare qualcosa.
Non dimenticare di rispondere alla domanda "Se un pilota viene espulso, cosa è programmato per fare l'autopilota?", Anche se la domanda sembra discutibile.
Hai spiegato perché pensi che l'autopilota sarebbe inutile, ma in realtà non hai risposto alla domanda: "che cosa è programmato per fare l'autopilota?". La risposta potrebbe essere "niente", a causa dei motivi indicati nella risposta, ma potrebbe esserci di più. Dovresti almeno provare a rispondere alla domanda.
Quando un'auto si blocca, dalla mia comprensione, l'ECU in genere spegne la pompa del carburante in modo tale che il carburante (aggiuntivo) non venga pompato in un possibile incendio dal sistema di alimentazione. Non avrebbe senso che un aereo facesse lo stesso? Per lo meno, il computer di volo (non l'autopilota) potrebbe spegnere il / i motore / i, spegnere le pompe del carburante e spegnere l'alimentazione. Inoltre, non ci sono davvero casi realistici in cui l'autopilota potrebbe tentare di far atterrare l'aereo? Anche io ho visto più video in cui i piloti sono stati espulsi a causa della mancanza di un posto sicuro dove atterrare, ad es. sui bird strike.
@AlphaCentauri È decisamente fattibile da sviluppare. L'algoritmo per una transizione completamente autonoma da un punto arbitrario in aria a parcheggiato sull'asfalto non fa parte degli attuali autopiloti, anche se la maggior parte degli elementi costitutivi di base (nav, autoland) necessari per metterlo insieme lo sono.
Buona risposta. Aggiungerei anche che un DC-3 USAF nel 1957 è atterrato perfettamente quando ha finito il carburante e l'equipaggio ha salvato http://www.dc3history.org/dc3fliesitself.html. Il DC-3 certamente non aveva il pilota automatico
"So che l'aereo può essere salvato ma se ne occuperà il mio computer, io sono fuori di qui. Ci vediamo alla Court Martial." Stavo ridendo ad alta voce per diversi minuti su questo. Sorprendente. xD
Un altro incidente correlato è https://en.wikipedia.org/wiki/2002_Jalandhar_MiG-21_crash (non pensare che nemmeno il pilota automatico fosse coinvolto in questo).
Posso immaginare una situazione in cui un pilota sarebbe espulso perché il pilota non poteva salvare il jet da solo. Ad esempio, se richiede una virata brusca che indurrebbe troppi G di forza, il pilota svenirebbe prima che la manovra sia completata. Allora sarebbe bello che l'aereo potesse atterrare in sicurezza. soprattutto in condizioni di allenamento.
Se il pilota è svenuto, come verrà espulso?
Mi chiedo se varrebbe la pena considerare manovre (soprattutto con motori vettoriali ecc.) Che recupererebbero l'aereo ma ucciderebbero il pilota da fare dopo che il pilota è stato espulso, ma poi come testarlo ...
#2
+59
tj1000
2018-06-23 21:44:54 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Per aggiungere un contesto alle altre risposte ...

L'espulsione non è una cosa sicura da fare.

I due sistemi di espulsione più popolari oggi, ACES II e Martin-Baker, hanno una percentuale di successo intorno al 90-92% ... la definizione di successo è la persona vissuta. La maggior parte delle espulsioni provoca lesioni alla persona, poiché si tratta di un'attività abbastanza violenta, con un breve impatto di 20 g quando il sedile spara.

Quasi tutti gli occupanti dell'espulsione subiranno una qualche forma di compressione spinale, tipicamente " Perderò mezzo pollice di altezza. Se la persona non segue esattamente il protocollo, potrebbe perdere un braccio durante l'uscita. Se la testa non è perfettamente in linea con la colonna vertebrale, il collo può rompersi.

L'espulsione è una misura di ultima istanza, da utilizzare solo se l'unica altra opzione è la morte certa.

Quindi è praticamente un dato di fatto se il membro dell'equipaggio spara con il sedile di espulsione, non ci sono altre opzioni praticabili e l'aereo è incontrollabile, o lo sarà molto presto, da un pilota o da un pilota automatico.

Inoltre, se l'aereo gira selvaggiamente, il sedile può non funzionare correttamente o l'occupante può essere colpito da parti dell'aereo, quindi aspettare che l'aereo sia completamente fuori controllo non è una mossa saggia, o.

Questa è un'ottima risposta.
+1. L'espulsione non è teletrasporto. Puoi essere ucciso / mutilato dall'aereo mentre esci.
Domanda: esiste una seconda modalità meno violenta per i seggiolini eiettabili se si hanno condizioni perfette? Ad esempio, l'aereo è completamente funzionante, ma rimarrai senza carburante e c'è solo legno / acqua, quindi non puoi davvero atterrare in sicurezza, se non del tutto.
@ThorstenS .: No, il sistema di espulsione è strettamente binario: completamente dentro / completamente fuori. Qualsiasi altra cosa è un malfunzionamento (non vuoi espellere a metà o espellere e essere immediatamente colpito dal timone). La cosa è abbastanza complessa senza una manopola trim;)
L'autodistruzione sembra un'ottima idea per gli aerei militari nello spazio conteso (a condizione che non uccida il pilota espulso nel processo)
@Nelson Ho letto un ottimo articolo sul bombardiere B2. Il giornalista è stato in grado di volare ma * non * è stato autorizzato dal medico. Infatti, alla sua altezza di oltre 6 ', se fosse stata richiesta un'espulsione durante il volo gli avrebbe rimosso le gambe. Quindi, c'è quello.
AilitynridCMT Ouch! Come mai?
@Sean a 6'5 "apparentemente le sue gambe e i suoi piedi potrebbero colpire la console, il che sarebbe un peccato. [Ecco l'articolo] (https://www.popularmechanics.com/military/g1080/we-fly-ab-2-stealth -bomber /) (ancora una buona lettura la seconda volta)
#3
+46
Therac
2018-06-22 22:14:52 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Qualunque cosa fosse programmata per fare al momento, il pilota è stato espulso.

I sedili di espulsione sono abbastanza complessi senza integrare l'elaborazione speciale dell'evento nell'autopilota. Dal momento che il pilota automatico non può atterrare da solo nemmeno un aereo intatto, non c'è nulla che possa fare per salvare l'aereo.

Alcune espulsioni vengono effettivamente eseguite da aerei che potrebbero essere potenzialmente salvati e sono stati atterrati con danno simile. Si tratta di evitare rischi eccessivi da una scommessa per l'80% di possibilità di un atterraggio sicuro e il 20% di un violento schianto che incendia il parco del ponte. Per alcune ragioni storiche, molte marine mantengono un comprensibile pregiudizio contro gli incendi sul ponte e preferirebbero abbandonare un solo aereo. Sulla terraferma, c'è più libertà per gli atterraggi di emergenza.

Per quanto riguarda la prevenzione (o il causare) danni collaterali al suolo, l'unico modo è che il pilota punti il ​​proprio aereo da qualche parte e preghi. L'autopilota è un sistema reattivo: non si preoccupa di ciò che non va o modella il velivolo, corregge solo ciò che accade, quindi, forse controintuitivamente, spesso non è così male controllare un aereo danneggiato.

Poiché le superfici di controllo del caccia sono abbastanza grandi da contrastare un sacco di resistenza indotta dai danni, un pilota automatico funzionante ha la possibilità di mantenere la sua ultima rotta anche con un'imbarcazione danneggiata. E questo è il massimo che potresti ottenere con l'attuale livello di automazione del volo.

In particolare, quando si espelle da un aereo di grandi dimensioni (es. Bombardieri) o quando l'aereo è attualmente pilotabile ma a breve non lo sarà (es. Fuoco incontrollato del motore), è comune impostare l'autopilota in modo che mantenga "dritto e livellato" per effettuare l'espulsione Più facile. Se hanno tempo, il pilota potrebbe anche puntare l'aereo verso il grande specchio d'acqua più vicino o un'altra area non occupata.
@Mark Sì, volare via dalla civiltà e verso l'acqua sarebbe un buon ultimo ordine. Inoltre, in tempo di guerra potrebbe piacerti qualcosa che lo induca a trivellare una volta che è sceso a poche migliaia di piedi. C'è anche l'aereo che può essere pilotato ma non può essere atterrato - qualsiasi cosa che porti la velocità minima abbastanza alta da non avere una pista abbastanza lunga.
@LorenPechtel: Bene, quando puoi atterrare con un'ala: https://theaviationist.com/2014/09/15/f-15-lands-with-one-wing/
@Joshua Certo, ma aveva bisogno di molta pista a causa dell'elevata velocità di atterraggio. Se fosse stato invece un bombardiere, probabilmente non ci sarebbe nessun posto (al di fuori di Edwards) con una pista abbastanza lunga.
@Skyler alla grande e ora sto immaginando una situazione che comporta il rifornimento di carburante a un bombardiere ad ala 1 abbastanza a lungo da arrivare a Edwards.
@Joshua Ma nota che ha dovuto atterrare molto velocemente. Quell'aereo era in grado di atterrare sulla pista disponibile nonostante quella velocità. Più danni o un aeroplano più pesante potrebbero portarlo oltre qualsiasi pista disponibile, o oltre ciò che le ruote potrebbero sopportare.
#4
+3
Tamás Polgár
2018-06-25 01:15:31 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Generalmente non fa nulla. Quando un pilota viene espulso dall'aereo, quell'uccello è avvitato oltre il salvataggio. Non esiste un pilota automatico al mondo che sia abbastanza sofisticato da pilotare un aereo militare anche quando è completamente intatto, figuriamoci quando è in fiamme e sta cadendo.

Tuttavia, come ho sentito, c'era un Su- 27 (o qualche discendente del Flanker, forse solo un prototipo?) Che aveva un peculiare easter egg: dopo l'espulsione il sistema di annunci vocali di bordo (la voce femminile che avverte il pilota di certe cose) ha parlato per l'ultima volta: "Bene ciao e grazie a nome della flotta. " Non c'era nessuno a sentirlo, e il casco del pilota è già stato staccato a questo punto, quindi era davvero solo un'idea di uno scherzo di un ingegnere. Non so se sia una caratteristica reale degli attuali Flanker navali russi.

Benvenuti nell'aviazione.SE! Hai alcune fonti a cui puoi collegarti? Il commento che "non esiste un pilota automatico al mondo che sia abbastanza sofisticato da pilotare un aereo militare" è fonte di confusione perché sappiamo che [almeno alcuni aerei militari li hanno] (https://aviation.stackexchange.com/a/ 10124/62).
Haha è fantastico, mi chiedo se lo abbia mai detto in pratica
Forse non avevano molta fiducia nella loro sede di espulsione. Forse dispensa anche un grande bicchiere di Vodka per lo sfortunato occupante.
I seggi sovietici / russi erano sempre molto affidabili, anche durante la Guerra Fredda. In realtà era solo un po 'di umorismo ingegnere al lavoro.
Le fonti sono scarse su questo. L'ho sentito da un pilota di caccia ungherese che a sua volta l'ha sentito da un russo. Per quanto riguarda gli autopiloti, certo, ci sono esperimenti, ma non esiste un sistema che possa pilotare in modo affidabile un aereo da caccia, in particolare non uno basato su portaerei. È ancora fantascienza.
Questo è al contrario. Un moderno sistema di controllo fly-by-wire è fondamentalmente un autopilota sempre attivo che tiene conto dell'input del pilota. Dare modalità di attesa di base oltre a quelle di manovra è relativamente banale.
@TamásPolgár Dove hai trovato informazioni che indicano che i vettori non hanno un pilota automatico?
Hmmmm ... Se un aereo parla al pilota dopo che è stato espulso, emette un suono? Ma seriamente - c'è davvero troppo "L'ho sentito da un ragazzo in un bar che l'ha preso da qualcuno che dovrebbe sapere". Ti dico una cosa: prendi un Su-27, scendi dal sedile (ma ancora nell'abitacolo, ma lontano dal sedile di espulsione), fai scattare il sedile, rimani collegato alle cuffie e dimmi cosa succede il prossimo, ok?
Queste cose sono chiamate aneddoti. Chiunque cerchi prove solide per tutto, va in una biblioteca tecnica.
@BobJarvis Ciao Bob, l'ho appena fatto. Può confermare che la storia è vera.
@BobJarvis PS, come faccio ad atterrare questa cosa adesso ?!
@Cloud: non preoccuparti. L'aereo ha un pilota automatico e atterrerà da solo a breve (per valori di "terra" sufficientemente piccoli e valori di "cratere" sufficientemente grandi. :-)
#5
+1
Testerson5
2018-06-26 06:06:29 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Immagino che probabilmente ci sia un interruttore tale che su un territorio nemico o sconosciuto l'aereo si autodistrugge. Ma non lo vuoi sulle tue aree di allenamento in modo tale che una sorta di atterraggio controllato possa essere programmato in modalità allenamento.

L '"autodistruzione" degli aerei militari è in realtà un po' noioso. È più una frittura di circuiti che un'esplosione drammatica.
Questa risposta sembra sbagliata. Hai riferimenti per supportarlo?
Hai ragione - tu "immagini". Non esiste un interruttore "fai esplodere l'aereo".
@DmitryGrigoryev Mi scuso per non avere fonti, ma questi aerei sono pieni di tecnologia. I paesi fanno di tutto per distruggere gli aerei abbattuti in modo che nessuno possa decodificarli. In effetti, questi eventi sono tenuti il ​​più segreti possibile, rendendo difficile la ricerca delle fonti.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...