Domanda:
Un drone può viaggiare oltre la portata del segnale del telecomando?
Victor
2014-12-19 22:32:49 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In un drone per hobby, è possibile impostare il pilota automatico in modo che il drone viaggi a una distanza molto oltre la portata del dispositivo di controllo remoto e poi torni al punto di partenza? Quando vedo hobbisti volare con i droni, sembra che il drone si libra sempre entro i confini del campo.

È possibile che un drone raggiunga la casa di un amico dall'altra parte della città e poi torni punto di partenza?

Stai chiedendo se i droni possono essere autonomi?
Febbraio 2016: il drone a 5.500 piedi manca l'A320 di 5 metri sopra LFPG ([storia] (https://www.flightglobal.com/news/articles/a320-crew-took-avoiding-action-in-paris-drone-encoun -422683 /)). Poiché quest'area è di circa 100 piedi MSL. Quindi decisamente oltre il normale intervallo.
Sette risposte:
#1
+14
Pondlife
2014-12-19 23:00:25 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Se il software di controllo lo consente, sì. È disponibile almeno un drone in cui è possibile il volo autonomo; la Vision 2 FAQ dice che il drone continuerà la sua "missione" anche se perdi il segnale, sebbene la lunghezza complessiva del percorso di volo sia limitata a 5 km e il drone non volerà vicino a aeroporti. Altri droni si fermano e si librano o atterrano se perdono la connessione con il controller.

Se farlo sia effettivamente una buona idea (o legale nella giurisdizione in cui si desidera operare) o meno è tutta un'altra questione .

Buona idea o no, è probabile che ti attiri qualche attenzione indesiderata dalla FAA a meno che non abbia approvato la tua operazione in base a una deroga. Per quanto li riguarda in questo momento i "droni per hobby" sono aeromodelli e devono essere sempre sotto il controllo visivo dell'operatore (in linea di vista diretta).
linea di vista diretta ... cosa significa? sempre visibile ad occhio nudo? O con un potente telescopio?
@voretaq7 L'OP è in Canada :-) Le questioni normative sono un altro argomento, ma ho modificato leggermente la mia risposta per menzionarle
@Victor Immagino che dipenda dalle normative locali, ad es. Regno Unito [richiede "contatto visivo senza aiuto"] (http://aviation.stackexchange.com/questions/9511/what-is-the-mamost-altitude-allowed-to-fly-a-model-plane-helicopter-in -Inghilterra / 9514 # 9514)
So che il Canada ha iniziato a emanare alcuni regolamenti effettivi - quaggiù negli Stati Uniti dell'età della pietra abbiamo solo una circolare di consulenza molto vecchia (AC 91-57 su aeromodelli) e alcune [regole proposte] (http: //www.faa .gov / Regulations_policies / rulemaking / comittees / documents / index.cfm / document / information? documentID = 301) che richiedono una linea di vista visiva senza aiuto come i regs britannici.
#2
+6
Erich
2015-01-27 09:49:43 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In generale, i sistemi di controllo del volo senza pilota operano in una delle due modalità principali: controllo manuale e programma . (Esistono altre modalità, ma si tratta in genere di situazioni specifiche, come sequenze di lancio / atterraggio, perdita di collegamento (noto anche come "ritorno a casa") e qualsiasi altra modalità operativa specifica del progetto, come richiesto (vedere di seguito).

Per rispondere alla tua domanda, se il collegamento viene perso mentre il velivolo è in funzionamento manuale, un buon sistema di volo andrà automaticamente in modalità "ritorno a casa", dove vola a una quota e coordinate GPS pre-programmate. Alcuni software di personalizzare la sequenza, ad esempio se salire o meno a spirale fino all'altitudine prima di dirigersi verso quella coordinata. Un altro software ripercorrerà il percorso seguito.

Gli aerei che seguono una rotta pre-programmata in genere passano alla modalità manuale al termine, sperando che ci sia un buon collegamento di terra all'altra estremità. Nelle operazioni militari, questo è noto come "passaggio di consegne" in cui una stazione di terra prende il controllo di un'altra.

Un volo Shadow stavo correndo ha perso il collegamento subito dopo l'avvio. Dopo aver completato la sequenza di avvio automatico, è andato per tornare a casa e girare per ore fino a quando non ha finito il carburante, a quel punto il motore si è arrestato e il generatore (alternatore) ha singhiozzato durante la transizione all'alimentazione a batteria, causando il riavvio del processore di volo, a quel punto abbiamo riacquistato il collegamento, però troppo tardi per fare qualcosa al riguardo. L'UAV aveva già notato che il suo motore non girava e ha avviato la sequenza del fosso, rotolando e facendo scattare lo scivolo.

#3
+5
usernumber
2015-01-27 21:31:28 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Da un punto di vista tecnico, come hanno sottolineato altre risposte, è tecnicamente fattibile. Ad esempio, le università hanno tentato un volo di 180 km sul Mar Mediterraneo.

Tuttavia, ci sono anche problemi legali coinvolti quando si fa volare un drone oltre la portata del dispositivo di controllo remoto. Ad esempio, in Francia, anche quando si utilizza un pilota automatico per controllare un drone, un pilota di sicurezza deve essere pronto a prendere il controllo del drone nel caso in cui accada qualcosa.

La Convenzione di Chicago (1944), articolo 8 afferma che

Nessun aeromobile che può essere pilotato senza un pilota può essere pilotato senza un pilota sul territorio di uno Stato contraente senza autorizzazione speciale da parte di tale Stato e in conformità con i termini di tale autorizzazione. Ciascuno Stato contraente si impegna a garantire che il volo di tali aeromobili senza pilota in regioni aperte agli aeromobili civili sia controllato in modo da evitare il pericolo per gli aeromobili civili.

In molti paesi, questi speciali Le autorizzazioni possono richiedere alcuni mesi (poco più di tre mesi nel caso del volo di 180 km sul Mar Mediterraneo) per ottenere, quindi gli hobbisti di solito non si preoccupano.

#4
+4
RoboKaren
2014-12-20 08:46:23 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sì, la maggior parte dei sofisticati droni consumer ti consente di pre-programmare una traccia al loro interno e possono volare in totale autonomia.

Inoltre, la maggior parte anche dei droni meno costosi (FN1) sono progettati per tornare alle coordinate GPS di partenza se perdono il segnale di controllo.

Fn1: Meno costoso significa ancora in giro 500 USD circa. I droni sofisticati costano 1000 USD e oltre.

#5
+4
reirab
2015-01-27 22:18:37 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Da un punto di vista tecnico, nulla lo impedisce. Non sarebbe nemmeno molto difficile scrivere il codice per farlo se avessi a bordo un ricevitore GPS, soprattutto se avessi anche degli accelerometri per interpolare la posizione tra i fix GPS. Del resto, il controllo remoto tramite una rete cellulare non sarebbe particolarmente complicato dal punto di vista dell'implementazione tecnica (e questo sarebbe anche di aiuto nella navigazione se triangoli la posizione dalle torri).

Dove si presenta il problema è questioni legali. In particolare, almeno negli Stati Uniti, il funzionamento di un tale velivolo senza pilota al di fuori della linea di vista dell'operazione è illegale a meno che non si disponga di una licenza speciale della FAA, che viene generalmente concessa solo alle agenzie del governo federale o alle forze dell'ordine / emergenza / organizzazioni di soccorso o alle organizzazioni R&D degli aeromobili. Secondo la FAA:

L'uso ricreativo dello spazio aereo da parte di aeromodelli è coperto dalla FAA Advisory Circular 91-57 (PDF), che generalmente limita le operazioni per hobby e ricreazione a meno di 400 piedi, lontano dagli aeroporti e dal traffico aereo e in vista dell'operatore.

#6
+3
CGCampbell
2015-07-05 17:17:37 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Federico aveva ragione nel suo commento in quanto questa è una "risposta" debole e sì, lo so meglio di così.

Pur non rispondendo al corpo, questa domanda risponde a quella del titolo.

Vedi Uomo detenuto fuori dalla Casa Bianca per aver tentato di far volare un drone, come così come le storie correlate di quel giorno, ad esempio su cosa non fare con il tuo UAV ...

Come sinossi, se ricordo correttamente i dettagli, un impiegato federale degli Stati Uniti era a casa di amici a Washington DC e stavano giocando con il nuovo quadricottero dell'amico (qualcuno potrebbe chiamarlo un drone). Si beveva molto e si festeggiava e l'uomo stava volando sul quad mentre era abbastanza ubriaco. L'ha volata verso la Casa Bianca ed è scomparsa. È atterrato sul prato della Casa Bianca. Quindi, sì, un "drone" può volare oltre la portata radio.

#7
  0
mzdv
2016-05-16 13:24:22 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Dipende dalla programmazione del drone, principalmente se contiene codice per operazioni autonome. Inoltre, può avere una subroutine "drone call home" che lo farebbe diventare "autonomo" (non è completamente autonomo, ma può volare da solo in linea retta).



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...